domenica 11 agosto 2013

Banca Marche, Italcementi, Comune - La Concordia regionale

il mattinale   domenica 11 agosto


Banca Marche / Italcementi / Comune

La Concordia regionale
e una scialuppa chiamata Senigallia


Se l’arte del governo è spesso paragonata a quella del nocchiero che con mano ferma e tra mille pericoli guida la nave verso porti sicuri, è molto probabile che il barchetto chiamato “Senigallia” sia arrivato ormai in vista dell’Isola del Giglio. La difficoltà di comporre oggi il bilancio comunale non parla solo di una signora Merkel che costringe i pigs nello stipo del patto di stabilità, ma anche di una cattiva navigazione della politica locale. E dire che da molte parti negli anni passati erano giunti appelli a non chiudere i futuri orizzonti nel Borgo delle Torri, dove con infelicissimo slogan si tentava di vendere il sole che sorge.
Il nostro Schettino, però,  non si è sbagliato nell’atto di osare nuove vie, nuovi passaggi, ma in quello di perseverare nella vecchia politica del mattone ormai giunta al saldo di un’era; e quando mostrò di non avere paura, fu solo nell’enfasi e nella protervia.
Questa smania di essere primi introdotta nelle retoriche dell’amministrazione dalle giunte luan-rodaniane non ha fatto altro che portare più rapidamente la nostra città sull’orlo del precipizio. Chi si aggiri tra il vuoto che sta sotto la ciminiera e il giardino su cui si affacciano lo Stabilimento Bagni e il Palazzo del Turismo penserà forse che la colpa sia della BCE o del fantasma di Milton Friedman. O magari di una giunta comunale velleitaria quanto incapace di leggere la realtà. Forse non è così, o forse non è solo così. Forse è solo la corrente che ci spinge mentre quelli immaginano di guidarla - o anche, addirittura, di precederla.
Il caso Italcementi meglio di ogni altro ci ha fatto capire che stavamo sbracciandoci nella corrente. Variamente si è tentato di spiegare il perché la vendita del sole-che-sorge non andava avanti. Si disse per la dimensione imposta agli appartamenti; oppure per l’alto costo del terreno. Si disse che una crisi grave come questa non era in nessun modo prevedibile. Nessuno però riuscì a spiegarsi il perché la Banca delle Marche si fosse esposta così tanto nel finanziare l’operazione.
Ora, che Senigallia sia solo una scialuppa della grande Concordia marchigiana, lo si vede bene dallo stato in cui versa la banca regionale.  
“La Banca delle Marche”, scrive  Giorgio Meletti sul Fatto Quotidiano di martedì 23 luglio, “si è distinta perché dopo il 2008, mentre gli altri istituti italiani chiudevano i rubinetti alle società immobiliari, ha deliberatamente ignorato la crisi del mattone innescata negli Stati Uniti e ha continuato a largheggiare in crediti al settore”.
“Un altro Montepaschi Siena”, titola l’articolo, per precisare poi che  tra i gruppi che hanno beneficiato di crediti che oggi mettono nei guai la banca, c’è “il noto gruppo che fa capo alla famiglia Lanari”. Ma sì, lo sapevamo già: un articolo di giornale serve a tutelare chi non ha copertura professionale e a garantire nel concreto la libertà di espressione.

Che meraviglia poi se su quei crediti un’amministrazione comunale pensi di poter costruire consenso e futuro? La virtù di ingannarsi da soli è resa facile dal fatto che poi saranno altri a pagare la disillusione. L’albergo a cinque stelle? Ma fateci il piacere. Per la maggior parte dei senigalliesi era una chimera, per i più riflessivi un falso scopo, un montaggio delle attrazioni. Chissà se nessuno mai osò mai parlarne personalmente a nostri sindaci, o se invece tutti si limitarono, incontrandoli ogni giorno, a subire una stretta di mano?    

Leo.