lunedì 17 giugno 2013

Ipotesi di processo alla politica Italiana



Il debito di 1900 miliardi di € accumulati dal 1948 ad oggi, è all'incirca uguale a quello che si è avuto alla fine della I e II guerra mondiale. Naturalmente rapportato ad oggi come asserito da più di un economista. Per questo motivo, la popolazione Italiana dovrebbe costituirsi parte lesa e pretendere un processo nei riguardi di chi ci ha governato fino ad oggi.
Tale processo dovrebbe essere senza prescrizione, in quanto i danni morali e materiali ricadranno su parecchie generazioni future.
La magistratura avrebbe la totalità delle prove per stabilire i colpevoli di un tale sperpero di denaro pubblico.
Sprecato per avidità personale, per acquisire consenso elettorale e per la conservazione del potere.
La pena dovrebbe prevedere la restituzione da parte dei colpevoli di tutto il denaro sprecato, e il ritiro di tutti gli indennizzi percepiti,  il carcere sarebbe il minimo delle pena.
I numeri degli imputati si aggira sui 3 milioni di persone, un milione sono i nostri politici nazionali, due milioni fanno  parte della criminalità organizzata, che insieme ad i primi strangolano la popolazione italiana portando la nazione al collasso sociale.
Questo processo potrebbe essere paragonato al processo di Norimberga, dove la gerarchia Nazista è stata giudicata per crimini verso l'umanità.
In questo processo giudicheremmo dei criminali che per il proprio interesse hanno soggiogato un intera Nazione, la nazione è l'Italia e un processo del genere non verrà mai istituito, a meno che noi Italiano non cominciassimo a credere nelle nostre capacità e nella Nostra Nazione.
SVEGLIA ITALIA!